Proprietà organolettiche del vino: cosa sono esattamente?

proprietà organolettiche del vino by aperivino
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Le proprietà organolettiche del vino. Diamo quasi per scontato di sapere cosa sono le proprietà organolettiche di una sostanza, un alimento o una bevanda, ma se dovessimo soffermarci un attimo sul suo significato, andremmo in confusione nel dare una definizione precisa.

Cosa sono le proprietà organolettiche del vino?

Le proprietà organolettiche del vino sono i caratteri percepiti dagli organi di senso. Si tratta di proprietà fisiche e chimiche che in genere compongono una sostanza.

Queste proprietà diventano organolettiche solo quando sono percepite dai nostri organi di senso.

Per esempio: il sapore acre è la proprietà organolettica dell’acido citrico, il sapore dolce invece è quella del saccarosio ecc.

È molto importante conoscere il significato di queste parole perché ci aiuta a degustare meglio il vino.

Infatti, nella lingua italiana, il degustatore è colui che assaggia per determinare le caratteristiche organolettiche, sottoporre all’esame dei nostri sensi un alimento , nel nostro caso, una bevanda come il vino.

In poche parole, determinare le proprietà organolettiche di un vino vuol dire studiarlo, analizzarlo, descriverlo e infine giudicarlo.

Un lavoro molto complesso, di cui si necessitano determinate conoscenze, lontano dal semplice atto del bere.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

*Articoli che potrebbero interessarti*